Partecipanti 2016

Giulio Giorello

Laureato in filosofia nel 1968 e in matematica nel 1971 presso l’Università degli Studi di Milano, sotto la guida di Ludovico Geymonat ha quindi insegnato dapprima Meccanica Razionale presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli studi di Pavia, per poi passare alla Facoltà di Scienze presso l’Università degli Studi di Catania, a quella di Scienze naturali presso l’Università dell’Insubria e al Politecnico di Milano e quindi Filosofia della scienza presso l’Università degli Studi di Milano. Ha diviso i suoi interessi tra lo studio di critica e crescita della conoscenza con particolare riferimento alle discipline fisico-matematiche e l’analisi dei vari modelli di convivenza politica; dalle sue prime ricerche in filosofia e storia della matematica, i suoi interessi si sono poi ampliati verso le tematiche del cambiamento scientifico e delle relazioni tra scienza, etica e politica. Si è occupato anche di storia della scienza – in particolare le dispute novecentesche sul “metodo” – e di storia delle matematiche.

Giorello


Valerio Pocar

Laureato in Giurisprudenza nel 1967, dal 1973 è stato professore di Sociologia e di Sociologia del Diritto nelle Università di Messina (Scienze politiche) e di Milano (Scienze politiche e Giurisprudenza), titolare dell’insegnamento di Sociologia del Diritto nell’Università degli studi di Milano-Bicocca. Dal 1998 è presidente della Consulta di Bioetica, dal 2002 è membro del direttivo nazionale del Movimento Antispecista, dal 2003 è presidente onorario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti ed è socio onorario dell’associazione “Libera Uscita per la depenalizzazione dell’eutanasia. All’inizio del 2012 ha ricevuto, su indicazione del sindaco Giuliano Pisapia, l’incarico di garante del comune di Milano per la tutela degli animali.

Pocar


Carla Corsetti

Ha conseguito la maturità classica e si è laureata in Giurisprudenza. Ha accompagnato gli studi universitari con un assiduo tirocinio nello studio legale del padre. Esercita la professione di avvocato. E’ sposata e madre di due figli. Si è sempre occupata di politica ed ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale nel 1993 in una lista civica di centro-sinistra. Nel 2009 ha fondato Democrazia Atea e attualmente ne è il Segretario nazionale. Si dichiara atea dalla nascita e ritiene che essere anticlericali sia un dovere morale.

Corsetti


Giorgio Villella

Già Segretario dell’UAAR (Unione degli Atei e Agnostici Razionalisti) dal 1999 al 2007. Ateo dall’adolescenza diventa militante negli anni ’80 del Novecento.

Villella


Alexander Schuster

Avvocato del Foro di Trento e assegnista di ricerca presso l’Università degli studi di Trento. Coordina il progetto www.RightsOnTheMove.eu E’ stato lui, con altri, a portare davanti alla Consulta la discussione sul matrimonio tra persone dello stesso sesso e a ottenere la condanna dell’Italia nel caso Oliari per assenza di riconoscimento delle unioni omosessuali.

Schuster


Mauro Bondi

Mauro Bondi, classe 1960, avvocato.
Consigliere Regionale del Trentino – Alto Adige / Sud Tirol per due legislature ha ricoperto diversi incarichi tra cui presidente di commissione legislativa, Assessore alle Riforme Istituzionali ed ha fatto parte della “Commissione dei 12” presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1998 al 2003.
Presidente dell’Ordine degli Avvocati del Foro di Rovereto, collabora con il mensile di informazione e di inchiesta “Questo Trentino”.
Promotore del referendum per la abolizione in Trentino dei contributi pubblici alle scuole private, fondatore e Presidente del “Comitato laici per i diritti civili”.

Bondi


Matteo Ruffoni

Matteo Ruffoni, illuminista ed attivista del movimento a favore del software libero, laureato in matematica, insegnante di matematica e scienze all’IC valle di Ledro. Attivo nel movimento pacifista e di solidarietà internazionale dal 1980 negli anni 2000 si adopera per la promozione e la diffusione del software libero come forma di condivisione del sapere. Fortemente convinto della intrinseca positività del pensiero e del metodo scientifico, si ritrova costretto a contrastare privilegi e pregiudizi che intaccano la libertà e l’uguaglianza di ognuno nella fruizione dei diritti individuali, non dimentico di continuare a sostenere la forte necessità di solidarietà umana universale. Alle molte risposte “vere” e facili, preferisce qualche difficile domanda.

Ruffoni


Antonia Romano

Insegnante con un background di studi in neurochimica, insegna matematica e fisica alle medie. Ha studiato Scienze biologiche a Pisa laureandosi con 110/110 con lode e ha lavorato con un gruppo di ricerca in neurochimica su apprendimento e memoria a breve e lungo termine. Nel 1995 si trasferita a Trento dove è nata la figlia. Un master di secondo livello in metodologia di ricerca in educazione, un perfezionamento in didattica della matematica, abilitazione all’insegnamento di matematica e scienze alle scuole medie e all’insegnamento di scienze biologiche, chimiche e naturali alle scuole superiori.

Dal 2001 docente a tempo indeterminato è coautrice di un testo sull’approccio sperimentale alla didattica delle scienze e di un testo sulla didattica per competenze nel primo ciclo d’istruzione. Dal 2014 ha intrapreso il cammino verso la costituzione di una soggettività plurale di sinistra radicale come componente del comitato operativo nazionale dell’Altra Europa con Tsipras, attualmente è consigliera comunale di opposizione nel comune di Trento, dove è stata eletta nella lista Altra Trento a sinistra.

Romano


Alessia Dona’

Alessia Donà è docente di Scienza Politica presso il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Università di Trento, dove attualmente insegna Analisi delle politiche pubbliche e sociali, Politiche pubbliche dell’Unione Europea e Sociologia dell’integrazione europea. Tra i suoi temi di ricerca vi sono le questioni di genere, la politica italiana, la politica e le politiche dell’Unione Europea e i processi di costruzione dei regimi internazionali per i diritti umani. Le sue più recenti pubblicazioni includono: ‘Le elezioni amministrative in provincia di Trento del maggio 2015: quali i risultati per la rappresentanza politica femminile?’ (2016), in G. Pallaver (a cura di), Politika 2015. Annuario di politica (Bolzano: Edition Raetia); ‘Le nuove norme contro la violenza di genere in Italia: possono le pressioni internazionali superare i vincoli dell’eredità di policy?’ (2015), Rivista Italiana di politiche pubbliche (1, p. 115-142); “Will the year 2015 bring the return of electoral gender quotas? The history about how the lack of political will troubled the road to gender equality in Italy(2015), EUI Working Papers in Law, n. 26.

Donà2015


Enzo Marzo

da oltre trent’anni è giornalista del “Corriere della Sera”, dove ricopre e ha ricoperto incarichi di responsabilità sia nel settore politico che in quello culturale. È docente di Profili deontologi della professione giornalistica presso la scuola di giornalismo Luiss. È direttore di «Critica liberale», mensile di sinistra liberale, e presidente della Fondazione Critica liberale, che ha avuto come presidente onorario, fino alla sua scomparsa, Norberto Bobbio. È stato tra i promotori di «Opposizione civile». È stato promotore del «Manifesto laico», coautore dell’omonimo libro, e membro del comitato di presidenza della Società laica e plurale.

©2013-A.Anceschi-0026


Ettore Paris

Nato nel ‘44, sessantottino, ha sempre cercato – con alterni risultati – di coniugare gli interessi umanistici, una preparazione tecnica (è laureato in ingegneria), la passione per l’impegno politico e sociale. Insegnante di Topografia all’istituto per geometri di Trento (“molto dà, ma molto chiede” è stato il giudizio di alcuni suoi studenti, accanto a quello più sbrigativo di “carogna” da parte della maggioranza) è stato nel 1980 tra i fondatori di Questotrentino. Nel giornale si è occupato prevalentemente di politica, di urbanistica, e quindi degli scandali collegati. Sue alcune campagne-stampa che hanno caratterizzato il giornale negli anni ’80 (sfociando spesso nelle aule del tribunale): contro il Presidente della Pat Mengoni e i suoi acquisti immobiliari, contro il Procuratore della Repubblica Simeoni, il Presidente Malossini, lo speculatore Tosolini ecc. Pensionato-baby (si fa per dire) dal ‘91, da allora si è dedicato a tempo pieno al giornale, subentrando come direttore a Michele Zacchi nel ‘94: oggi scrive soprattutto di politica e svolge inchieste su vari aspetti della realtà trentina. Nella vita privata è single; passato senza troppi patemi dal ruolo di “scapolo d’oro” della giovinezza a quello attuale di zio affettuoso, nonché, all’occorrenza, di “vecchio porco”.

E. Paris


Elisa Dossi

Giornalista, collabora con il “Corriere del Trentino”.

elisa dossi